parcomurgia

Flora

Peonia

Menu> Matera and the Park
Geology
Prehistory
Rock churches
Rural structures
Flora
Fauna
Matera
Il Parco della Murgia Materana

FLORA
La vegetazione della Murgia è caratterizzata da piante adattate all’ ambiente scarsissimo di acqua ed esposto a forti e frequenti venti che accentuano l’aridità del clima.
Nelle aree immediatamente circostanti il centro visita di jazzo Gattini è particolarmente sviluppata la tipica vegetazione della pseudosteppa mediterranea: represented by pastures, rock, con prevalenza di vegetazione erbacea nel sottile strato di terreno che va a riempire fratture e conche della roccia. In spring, for a few weeks, the plateau appears as an expanse of green dotted with white, giallo e rosso per la fioritura di asfodeli, ferule, thistles, poppies, cysts and various types of orchids.
Per pochi giorni alcuni versanti assumono tonalità cerulee per la splendida fioritura del rarissimo Lino di Tommasini. Dal mese di maggio in poi entra in fioritura il Lino delle fate che trasforma i prati in un ondulato mare argentato.
Con l’arrivo delle temperature estive il colore dominante diventa il giallo bruno delle graminacee secche ed inizia la stagione più difficile per la flora della Murgia. Ma l’evoluzione ha selezionato le piante che popolano questo ambiente che hanno bisogno di pochissima acqua ed hanno sviluppato numerose strategie per immagazzinarla, sviluppando organi di riserva nelle radici, in bulbs, in stems and leaves.
In some areas, tra la vegetazione erbacea della pseudosteppa si notano cespugli bassi ed arrotondati che lottano, Thanks to this form, contro il vento e la calura: è l’ambiente tipico della gariga. Piante caratteristiche sono: il thymus bush (assai più diffuso in passato ma che ancora oggi fiorisce in maniera copiosa), the santoreggia, the mint, the grape of Puglia, la ruta, some Euphorbia and certain to. Especially those species that are, se calpestate, spread that characteristic smell, often given by the merger of the odors of individual plants, che rimane nella memoria olfattiva sia di chi frequenta ed ha frequentato la Murgia fin da bambino e sia del visitatore che per la prima volta ha la ventura di passeggiare da queste parti.
Dove le piante arbustive sono riuscite a colonizzare maggiormente i versanti ed a portare avanti quel processo di evoluzione della vegetazione che a completamento porta alla formazione di un bosco, oggi possiamo osservare la macchia mediterranea, consists primarily of shrubs mastic, terebinto, alaterno, fillirea, hawthorn, olive, etc.. Lungo il perimetro del campo di masseria Radogna è possibile ammirare alcuni esemplari di fragno, a beautiful oak tree that dominated what was, prima dei devastanti incendi dell’ultimo decennio, il bosco di Lucignano (not included in the map). Il fragno è altamente diffuso nei Balcani mentre in Italia è presente solo nelle murge pugliesi e quindi le stazioni della Murgia materana rappresentano il limite più occidentale di questa specie. Passeggiando tra il centro visite ed il piazzale del belvedere è possibile osservare anche: ilex, il perastro, Oak Virgil, the wild fig, l’orniello, the maple, il mandorlo.
Ma l’ambiente più esclusivo della Murgia è rappresentato dalla vegetazione rupestre, caratterizzato da piante che hanno assunto con l’evoluzione una serie di adattamenti che permettono loro di colonizzare le pareti rocciose, dove alle avversità climatiche si aggiunge la difficoltà di trarre nutrimento da uno scarsissimo (sometimes non-existent) layer of loose soil.
Così alcune di queste sorprendenti piante hanno radici che producono enzimi litici che permettono di entrare più profondamente nella roccia ed espellere il carbonato di calcio in eccesso. Tipiche piante rupestri sono: caper, the Apulian bell, l’ombelico di Venere.
Per completare le osservazioni degli ambienti vegetazionali presenti nel Parco bisognerà scendere nel fondo della gravina dove le condizioni ambientali mutano completamente ed inaspettatamente con la presenza perenne di acqua corrente che consente l’attecchimento di una vegetazione igrofila ripariale del tutto atipica per l’area murgica. Qui sarà possibile osservare salici, poplars, olmo, ash, tamarisk, cannuccia di palude, Tifa, etc.. A land so, to Timone, che nonostante l’intensa antropizzazione conserva, still, testimonianza di una flora assai preziosa e rara. Costituita da una ventina di specie endemiche (Chamomile Otranto, Fiordaliso Gargano, Vedovino della Basilicata, Timo spinosetto), da specie rarissime e in alcuni casi da specie a rischio di estinzione.